Books on air

Francesca Marchesani

Blackout, il reality in un acensore

Blackout, il reality in un acensore

Da buona bolognese che si rispetti, devo saper fare davvero poco cose. Il ragù, chiudere i tortellini, ascoltare Lucio Dalla e Luca Carboni e leggere Gianluca Morozzi. Quest’ultima mi mancava, ma ne avevo sentito parlare di questo scrittore bolognese, quindi quando alla nota libreria Nanni trovo un suo libro a tre euro mi ci fiondo.

Blackout parla appunto di un’interruzione di corrente che avviene nella domenica di ferragosto dentro un ascensore di un condominio di venti piani a Bologna. All’interno ci sono tre persone. Claudia, Tomas e Ferro. La prima una ragazza appena tornata dal lavoro con una divisa inguinale, il secondo un sedicenne in procinto di scappare di casa con la fidanzata e il terzo uno spietato serial killer produttore e regista di numerosi snuff movie. (vedi Gang Bang di Palahniuk, film in cui la gente muore durante le riprese).

L’ascensore si ferma tra l’unidicesimo e il dodicesimo piano, e più che un normale blackout sembra qualcosa di più, tanto da pensare a un’invasione aliena o a una bomba atomica che ha distrutto l’intera popolazione a parte loro tre.

Tra la sete, il caldo, la rabbia e molti altri istinti rimordiale, dopo qualche ora in quella bara di acciaio la situazione si fa davvero insostenibile. E non tutti ne usciranno vivi.

Si scoprirà poi, che per tutto il tempo da un furgone poco distante due soggetti hanno ripreso tutto con delle telecamere a infrarossi per farne la prima puntata di un promettente reality.

Il tutto scritto con uno stile veloce, incalzante, a tratti terribilmente crudo. Roba che devi mettere il segnalibro e distogliere lo sguardo per qualche secondo. Felice di aver fatto la conoscenza di questo mio conterraneo. Che non esito a definire geniale.

Non è poi così lontano dalla realtà, un esperimento simile. Come l’uomo inventa le armi e i mezzi più assurdi per distruggere gli altri uomini, non ne verremo mai a capo. E dire che siamo la razza superiore. Eppure, avete mai visto un topo costruire una trappola per topi?

Francesca Marchesani

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
Mostra più commenti

Francesca Marchesani

Francesca è una ragazza annoiata dal mondo che si vede intorno. Questo la porta a leggere più libri del dovuto. Di questo suo passatempo ne ha fatto poi un lavoro, scrivendo recensioni, intervistando autori spesso emergenti, e leggendo in diretta web televisiva molte pagine. Niente e nessuno sfugge alla sua lingue biforcuta, ma se un libro le rapisce il cuore potrebbe stare per ore a parlarne. O a tesserne le lodi. Ecco il motivo per cui nasce questo blog.

Utenti online